Rete Civica del Casentino

torna a RCC

logo cred

stemma cmc

cmc

Rete Civica del Casentino

canali:scuoleentiassociazioni e spazio giovaniturismo e cultura

 

 

 

 

 

 

 

 

 

rubrica cred

contatti

 

DOCUMENTARE IL PASSATO, PROGETTARE IL PRESENTE

 

Il CRED e la Mediateca del Casentino:

dai progetti di documentazione audiovisiva alle iniziative per lo sviluppo locale

èSeicento Minuti di Novecentoç

SCARICA IL PROGETTO IN FORMATO DOC

SCARICA IL PROGETTO IN FORMATO  RTF

La Comunità Montana del Casentino, d’intesa con l’Assessorato alla Cultura della Provincia di Arezzo ed in collaborazione con la Mediateca Regionale Toscana, promuove per tutto l’ambito territoriale della Provincia un progetto per il recupero e salvataggio digitale di pellicole cinematografiche.

Il progetto, denominato “600 minuti di Novecento”,si propone di aprire un percorso significativo per salvataggio, tramite riversaggio in digitale, conservazione e catalogazione, di pellicole cinematografiche amatoriali e professionali in vari supporti 8mm, super 8 e 16mm, 35 mm o altro realizzati nel Novecento in ambito familiare o professionale.

           Una prima sperimentazione è stata attivata  dal nostro servizio CRED- Mediateca “Banca della Memoria” nel 2002 tramite l’acquisizione digitale di pellicole 8mm provenienti da un fondo familiare casentinese con immagini dagli anni 30 agli anni 50. La sperimentazione ha dato risultati di notevole interesse fornendo ulteriore stimolo all’attivazione di procedure di salvataggio di immagini del novecento significative per la memoria storica ed antropologica del territorio e talvolta legate a produzioni artistiche inedite di autori underground, cineamatori evoluti e documentaristi sindacali e politici.

Idea forte del progetto è quella di individuare nel territorio della intera Provincia di Arezzo un primo bacino di utenza per la raccolta del materiale, presentando un bando che consenta a privati e istituzioni l’accesso ad un servizio di digitalizzazione di materiale cinematografico proprietario così articolato:

 

o        Restituzione all’utente del materiale originale + copia analogica (vhs)

o        Sottoscrizione  da parte dell’utente di liberatoria d’uso dei diritti d’autore ai sensi delle leggi vigenti

o         Archiviazione e catalogazione presso l’Archivio specialistico CRED di Poppi di duplice copia digitale (formati DV-DVD)

o         Messa in rete del catalogo nel sistema bibliotecario provinciale.

 

 

Il budget economico attivato consente di prevedere la possibilità minima  di digitalizzare almeno 600 minuti di pellicola, anche tenendo conto di problemi di lavaggio e parziale restauro del materiale pervenuto.

 Il progetto “600 Minuti di Novecento” vedrà protagonista la storia locale e in particolare tutte quelle pellicole che rimaste chiuse negli armadi rischiano di oscurarsi con il tempo e di cancellare parte del nostro vissuto. La nostra proposta sarà quella di coinvolgere privati e pubblici cittadini affinché ci forniscano i loro materiali audiovisivi per poterli mettere in sicurezza su moderni supporti tecnici. Inoltre restituita una copia al diretto interessato ne sarà realizzata un’altra per la collettività che potrà prenderne visione presso il nostro archivio.

 

L’interesse è quello di mantenere viva la memoria delle tradizioni locali e della storia in generale attraverso l’audiovisivo.

 

 

 

su